Suggerimenti sull’evento 2018

Giornata Internazionale di Sensibilizzazione sull’overdose – 31 Agosto

Indicazioni varie dal manuale del Penington Institute

Itardd nell’aderire all’iniziativa promossa dal Penington Institute intende sensibilizzare tutte le realtà che partecipano alla rete sulla necessità di promuovere la giornata nell’ambito delle azioni di advocacy sulla prevenzione delle overdose.

Itardd intende supportare la realizzazione degli eventi suggerendo un coordinamento delle stesse in ragione di una maggiore efficacia ed efficienza. Alcune realtà potrebbero unirsi per questione di territorio  ed energie disponibili. E’ auspicabile il coinvolgimento dei Ser.D di competenza territoriale.

Unificare gli eventi è importante per dare risonanza, diffusione e importanza alla necessità di promuovere il più possibile la prevenzione delle overdose, e la rete stessa;  si raccomanda, pertanto, la scritta Itardd e il logo della carovana che avremo a breve.

Vogliamo però prima trovare una sintesi tra le linee guida della campagna così come date dai promotori e quelle più pertinenti al nostro contesto

  • L’idea è quella di dedicare una giornata al ricordo di persone scomparse (amici, figli, mogli, mariti ecc.) a causa di un overdose o per motivi connessi con l’uso di sostanze stupefacenti. Anche se l’aspetto puramente commemorativo appartiene forse un po’ di più alla cultura anglosassone (in Canada, ad esempio, alle pareti delle sale di iniezione sono affissi poster di persone, conosciute nel contesto, decedute per overdose o cause collegate all’uso), alla luce dello slogan “Time to remember, time to act” “ Tempo di ricordare tempo di agire”  si evince da subito come la questione interessi tutti quelli che hanno a che fare a vario titolo con le sostanze, sia per lavoro, sia per altre motivazioni.
  • Una parte molto più dedicata all’informazione e alla sensibilizzazione è appunto quella della “consapevolezza” che nell’intenzione dei promotori mira a ridurre lo stigma, a rendere le persone consapevoli del fatto che il loro intervento in alcuni casi può salvare una vita.
  • La soluzione e il giusto compromesso, pur lasciando piena libertà sulle scelte da attuare nell’organizzare la giornata, potrebbe essere da un lato sottolineare il numero di persone decedute  in Italia e nel mondo o anche nelle singole regioni ove si svolge l’iniziativa, dall’altro dare spazio a quell’aspetto “commemorativo” forse poco appartenente alla nostra cultura che nelle indicazioni del  Penington Institute fa riferimento a celebrazioni con candele e incontri di preghiera.
  • Ripetutamente, nel manuale, si fa riferimento ai familiari di persone che hanno perso qualcuno per overdose e si raccomanda di promuoverne il protagonismo.

Si consiglia di prendere contatto con le istituzioni locali per le dovute autorizzazioni in caso di occupazione di suolo pubblico e altro, le unità di strada possono regolarsi in base alla proprie realtà territoriali e dove possibile si consiglia l’unione di più realtà sul medesimo territorio.

Nel periodo precedente al 31 e in quel giorno è indicato oltre che condividere gli eventi, postare sull’argomento, riportando conoscenze in merito, insomma si suggerisce un forte e strutturato utilizzo dei social.

Si consigliano vari modi per creare degli eventi, dalle piccole occasioni di incontro nelle comunità a una camminata pubblica, una corsa,  oppure un piccolo concerto o dare voce in pubblico a qualcuno. Anche i posti di lavoro sono suggeriti come opportunità e occasione di sensibilizzazione, magari offrendo una colazione.

I messaggi sono efficaci se fatti bene: nel manuale se ne suggeriscono alcuni esempi attraverso l’uso di parole chiave che hanno il proprio senso in un ottica di efficacia della comunicazione. Eccone un esempio:

Ogni anno perdiamo migliaia di persone da overdose di droga a livello globale. Alcuni sopravvivono ma subiscono un danno permanente, con un impatto devastante per le loro famiglie e i loro amici. [inserire il nome della città / città] non è immune. Potresti averlo visto, è successo alle persone intorno a te. Domani potrebbe succedere a qualcuno che ami. Questo non è un problema invisibile. [inserire storie personali o dettagli se confortevoli] La Giornata internazionale di sensibilizzazione per overdose ci offre l’opportunità di riflettere su modi pratici per prevenire il sovradosaggio nella nostra comunità. Il sovradosaggio è prevenibile. Conoscere i fatti reali sulla droga e cosa fare quando vedi qualcuno che sta vivendo una overdose, salva vite umane. Gli eventi del Overdose Day che mirano a educare le nostre comunità sulle droghe possono davvero aiutare. [inserire il nome o il nome dell’organizzazione] stanno facendo la nostra parte per supportare la giornata con un [inserire i dettagli dell’evento, ad es. veglia a lume di candela] su [inserire data evento] in [inserire orario evento].

Va, inoltre, fatto un distinguo a secondo del mezzo usato; questo è per la radio ad esempio:

“Ogni giorno, vediamo intorno a noi persone che perdono l’esistenza o la cui vita è stata cambiata a causa di un’overdose. L’overdose non discrimina: potresti essere tu o qualcuno che ami, un amico, un collega o il tuo vicino. Quest’anno, l’International Overdose Awareness Day, [inserire la città] ha bisogno del tuo sostegno. Lasciati coinvolgere per prevenire la tragedia dell’overdose. Conoscere le droghe che prendi, i suoi effetti sul tuo corpo e come prevenire l’overdose fa la differenza. Unisciti a noi [inserire la data dell’evento] in [inserisci gli orari] in [inserisci il luogo dell’evento] per [inserisci la natura dell’evento]. Vieni per capire come questo influisce su ognuno di noi. Vieni con noi per ricordare i cari che abbiamo perso. È tempo di ricordare. È ora di agire. “Unisciti a noi [inserire la data dell’evento, orari e luogo dell’evento] per un [inserisci la natura dell’evento]. Vieni con noi per capire come questo influisce su ognuno di noi. Vieni con noi per ricordare i cari che abbiamo perso. È tempo di ricordare. È ora di agire”.

Pubblicazione/banner/immagini sui social media

Unisciti a noi sui nostri social e sentiti libero di condividere il contenuto che pubblicheremo nel periodo di preparazione e nel giorno dell’evento. Sentiti libero di condividere storie, immagini e suggerimenti per aiutare anche gli altri a raggiungere il successo del proprio evento. Ci piacerebbe sentirti e vedere cosa stai facendo!

Connettiti ai nostri social, pubblicheremo i banner e le immagini dell’International Overdose Awareness Day che potrai utilizzare sulle tue pagine e condividere con i tuoi follower e amici.

Se desideri twittare un messaggio personalizzato promuovendo il tuo evento, utilizza #OverdoseAware o #EndOverdose e, se possibile, includi @OverdoseDay. Ci aiuterà a promuovere il tuo evento a livello globale! Qui potremmo aggiungere il nostro banner della carovana !!!

Esempio per un   TWEET

Questo @OverdoseDay ci aiuta a prevenire i decessi per overdose in [inserire la città]. Partecipa al tuo evento locale [inserisci il collegamento ipertestuale alla pagina degli eventi del giorno Overdose] # OverdoseAware. L’overdose non discrimina e le famiglie in [inserire la città] hanno bisogno del tuo supporto. Partecipa a [inserisci la natura dell’evento, ad es. veglia a lume di candela] @ OverdoseDay. Per maggiori informazioni [inserire il collegamento ipertestuale alla pagina degli eventi del giorno di overdose] # OverdoseAware

Infine:

  • Una piccola brochure potrebbe essere fatta per dare istruzioni “sociali” sull’overdose (come capire se una persona è in overdose e cosa fare in caso di sospetta overdose) ecc. rivolto a chi non consuma sostanze per via endovenosa
  • Un’altra dovrebbe essere rivolta a chi consuma, con indicazioni esplicite.
  • TERREI INOLTRE IN CONSIDERAZIONE LE VARIE POSSIBILI OVERDOSE CON INDICAZIONI IN MERITO