Un nuovo studio rivela che le persone che usano eroina hanno una minor probabilità di incorrere in un’overdose se conoscono quali droghe stanno assumendo

Fonte: reason.com

Download della ricerca

Link a informazioni sulle sale igieniche del consumo in Canada

Secondo un nuovo studio diffuso da Insite la sala del consumo sicuro di Vancouver, le persone che usano sostazne hanno una probabiltà maggiore di 10 volte di ridurre le loro dosi se sanno che la droga che consumano contiene fentanyl. Progettato come luogo sicuro dove le persone che usano sostanze possono consumare sotto la supervisione di medici professionisti, Insite ha scoperto che la fornitura di kit per rilevare la presenza di fentanyl riduceva la probabilità di overdose del 25 per cento.

Secondo la testata canadese della British Columbia The Globe and Mail, Insite offre un semplice test con reagenti, in cui una piccola quantità di sostanza viene testata utilizzando una soluzione e una striscia. Altri test con reagenti fanno uso di  una soluzione e della sostanza stessa, mescolati insieme su una superficie bianca. Anche se i test con reagenti non rivelano ogni composto presente, costituiscono comunque un modo efficace per identificare sostanze che sicuramente non si desiderano assumere.
I test con reagenti sono risultati essere molto popolari almeno  per due decenni tra le persone che usano droghe sintetiche, in particolare riguardo all’MDMA/ecstasy. Ma esistono dei limiti, uno dei quali è che il test con reagenti rivelano la presenza, non il dosaggio. E almeno un fornitore di reagenti dice che è difficile distinguere tra fentanyl e altri oppioidi sintetici, che potrebbero comportare falsi positivi.

Secondo i dati raccolti da Insite, 1.000 differenti test con reagenti hanno rivelato fentanyl nell’83 per cento delle sostanze considerate eroina, l’82 per cento delle sostanze ritenute crystal meth e il 40 per cento dei farmaci considerati cocaina. Un recente studio pubblicato sul Washington Post ha trovato un discreto numero di casi negli Stati Uniti di cocaina contaminata da fentanyl, tra cui 12 ricoveri d’emergenza in un ospedale del Connecticut in sole otto ore.

Le sale per il consumo sicuro/assistito e il test con reagenti sono buone idee. Ma sapete cosa funzionerebbe ancor meglio? Lasciare che la gente possa acquistare le sostanze che vogliono in un mercato legale in cui i produttori siano incentivati a creare prodotti sicuri. Per quanto riguarda l‘utilità del test con reagenti, va detto che non è utile sapere solo ciò che si pensa di stare per assumere; è importante sapere anche quanta sostanza si sta prendendo. La Gran Bretagna sta assistendo ad un aumento delle morti connesse con MDMA. È a causa di contaminanti? No, è perché l’MDMA è più puro che mai, con dosi più alte in “pacchetti” più piccoli.

Il test con reagenti non dirà se una data pillola di MDMA contiene 25 mg o 100 mg, o se l’eroina acquistata contiene un po ‘di fentanyl oppure molto. Questo tipo di informazioni richiede un regime regolatorio in cui l’eroina (così come l’MDMA e la cocaina) viene prodotta con la stessa attenzione ai dettagli e alla precisione del Tylenol. Oppure la cannabis! Poiché il mercato della marijuana è passato da quello nero a quello grigio, i consumatori possono ora scegliere il rapporto di THC e CBD e parlare con i dettaglianti circa il dosaggio ottimale sulla base della loro tolleranza, esperienza e effetto desiderato.

A breve termine, l’America avrà bisogno di strategie di riduzione del danno come quelle offerto all’Insite. A lungo termine dovremo abbandonarci alla realtà.

 


About peer A

ITARDD è una rete di operatori, operatrici, associazioni e enti locali che promuove, sostiene e difende la RDD in Italia, attraverso la valorizzazione di competenze, professionalità e progettualità, la ricerca, l’informazione e l’azione di sensibilizzazione. ITARDD lavora per moltiplicare gli scambi con le reti e gli ambiti scientifici europei e internazionali ITARDD partecipa al movimento internazionale per la promozione di una politica mondiale sulle droghe rispettosa dei diritti umani e degli obiettivi sociali e di salute delle popolazioni, che superi l’attuale, protratto empasse delle inefficaci politiche globali centrate sulla repressione. ITARDD condivide la definizione elaborata a livello internazionale (IHRA /HRI, OMS, EMCDDA), secondo cui la riduzione del danno (RDD) è, insieme, un approccio, una serie di politiche, una gamma di programmi e servizi che mirano a ridurre il danno correlato all’uso di sostanze psicoattive legali e illegali – sui piani sociale, sanitario ed economico. L’obiettivo generale della RDD è la limitazione dei rischi e il contenimento dei danni droga correlati piuttosto che la prevenzione del consumo in sé, e i destinatari sono tanto i consumatori attivi di sostanze, quanto le loro famiglie, le reti di prossimità e la collettività sociale nel suo complesso. La RDD è uno dei “4 pilastri” della politica europea sulle droghe (prevenzione, riduzione del danno, trattamento, lotta al narcotraffico).