Nuovi stili di consumo

Data: 09/06/2016 – 11/06/2016

Orario: 09:00 am Torino – Fabbrica delle “e”, corso Trapani 91/b

Una ricognizione sulle nuove modalità di consumo e dei loro contesti

Il 9 e 10 giugno 2016, alla Fabbrica delle “e”, l’Università della Strada del Gruppo Abele organizza un corso  per riflettere sui nuovi stili di consumo. Il panorama dei consumi di sostanze psicotrope è in continua evoluzione in una scena influenzata da variabili culturali, generazionali, legali e di mercato. Più stili di policonsumo che coivolgono “vecchie” e “nuove” sostanze psicoattive e modalità di assunzione. Più cluster di consumatori a volte con pochissimi crossover, coesistono e corrono rischi non intercettati dal sistema dei servizi di prevenzione e di cura. Non è più prevalente un modello di  consumo legato al disagio sociale ed economico capace di impattare massicciamente le generazioni giovanili come negli anni ‘80 e ’90, quel tipo di consumo che aveva generato il sistema dei servizi sociosanitari come li conosciamo e che oggi ripensa alle sue modalità operative.

Il percorso formativo è composto da due giornate di 7 ore  per un totale di 14 ore. La metodologia prevede la valorizzazione dell’esperienza dei formandi, alternando teoria e lavori in piccoli gruppi.

 Programma

Iscriviti


About peer A

ITARDD è una rete di operatori, operatrici, associazioni e enti locali che promuove, sostiene e difende la RDD in Italia, attraverso la valorizzazione di competenze, professionalità e progettualità, la ricerca, l’informazione e l’azione di sensibilizzazione. ITARDD lavora per moltiplicare gli scambi con le reti e gli ambiti scientifici europei e internazionali ITARDD partecipa al movimento internazionale per la promozione di una politica mondiale sulle droghe rispettosa dei diritti umani e degli obiettivi sociali e di salute delle popolazioni, che superi l’attuale, protratto empasse delle inefficaci politiche globali centrate sulla repressione. ITARDD condivide la definizione elaborata a livello internazionale (IHRA /HRI, OMS, EMCDDA), secondo cui la riduzione del danno (RDD) è, insieme, un approccio, una serie di politiche, una gamma di programmi e servizi che mirano a ridurre il danno correlato all’uso di sostanze psicoattive legali e illegali – sui piani sociale, sanitario ed economico. L’obiettivo generale della RDD è la limitazione dei rischi e il contenimento dei danni droga correlati piuttosto che la prevenzione del consumo in sé, e i destinatari sono tanto i consumatori attivi di sostanze, quanto le loro famiglie, le reti di prossimità e la collettività sociale nel suo complesso. La RDD è uno dei “4 pilastri” della politica europea sulle droghe (prevenzione, riduzione del danno, trattamento, lotta al narcotraffico).

Speak Your Mind