Corso di peer support nell’ambito dei consumi di sostanze

3d people - man, person draw out of hole. Helping

3d people – man, person draw out of hole. Helping

Il supporto tra pari (peer support) è una pratica di solidarietà, di scambio di informazioni e competenze, di sostegno reciproco che vive nelle relazioni tra persone. Questo avviene tutti i giorni anche tra persone che usano sostanze e che condividono luoghi, stili di consumo, socialità. Gli interventi e i servizi che operano per la prevenzione di possibili rischi e la riduzione dei danni correlati all’uso di sostanze riconoscono la soggettività e i saperi dei consumatori e sostengono il supporto tra pari come pratica fondamentale per promuovere la qualità della salute e della vita di chi usa sostanze. L’obiettivo del percorso è valorizzare le competenze e l’esperienza dei consumatori, accrescere le loro conoscenze e abilità per sviluppare e sostenere pratiche di supporto tra pari sia nella vita di tutti i giorni che in collaborazione con gli interventi di riduzione del danno. Il corso è organizzato da ASL TO 3- Dipartimento dipendenze patologiche, Associazione Isola di Arran, con la collaborazione dell’equipe di Endurance Il corso è rivolto a persone con esperienza di uso di sostanze che desiderano approfondire le proprie competenze e spenderle in pratiche di solidarietà con altri consumatori Al corso partecipano 15 persone, indicativamente 8 provenienti dal territorio della ASL TO3 e 7 da Torino e altre province del Piemonte La partecipazione è gratuita. L’ammissione al corso prevede un colloquio individuale. In caso di selezione dovuta a un numero elevato di domande di partecipazione, il gruppo promotore del corso valuterà le richieste sulla base delle informazioni raccolte in fase di colloquio, con attenzione anche a un criterio di provenienza territoriale. La sede del corso è presso Altrove, viale Martiri XXX Aprile, 30, a Collegno (TO) (vicino al Ser.t)

Programma

Il corso è di 26 ore complessive divise in 6 incontri. Ogni incontro include lezioni, scambi di esperienze, lavori di gruppo, esercitazioni.

4 aprile, lunedì – 9.00-13.00

Il supporto tra pari: la pratica, la cultura, la storia e l’esperienza.

11 aprile, lunedì 9.00-13.00

Saper ascoltare, saper comunicare. La relazione tra pari

18 aprile, lunedì 9.00-13.00

Prevenire rischi e danni nell’uso di sostanze (1).

Overdose e Malattie trasmissibili

22 aprile, venerdì 9.00-13.00

Prevenire rischi e danni nell’uso di sostanze (2).

Rischi legali e rischi sociali: tutelare la qualità della vita

29 aprile, venerdì 9.00-13.00

Il sistema dei servizi: istruzioni per l’accesso e per l’uso

2 maggio,lunedì 9.00-15.00

Buone pratiche tra pari: Endurance, Progetto EpC, Polvere

Tra pari: dinamiche, problemi e risorse nei diversi contesti

(pausa pranzo)

Le nuove competenze acquisite: cosa farne? Scenari possibili Valutazione del corso e conclusioni

Informazioni: Maria teresa Ninni, aseretam25@hotmail.com 3496498916


About peer A

ITARDD è una rete di operatori, operatrici, associazioni e enti locali che promuove, sostiene e difende la RDD in Italia, attraverso la valorizzazione di competenze, professionalità e progettualità, la ricerca, l’informazione e l’azione di sensibilizzazione. ITARDD lavora per moltiplicare gli scambi con le reti e gli ambiti scientifici europei e internazionali ITARDD partecipa al movimento internazionale per la promozione di una politica mondiale sulle droghe rispettosa dei diritti umani e degli obiettivi sociali e di salute delle popolazioni, che superi l’attuale, protratto empasse delle inefficaci politiche globali centrate sulla repressione. ITARDD condivide la definizione elaborata a livello internazionale (IHRA /HRI, OMS, EMCDDA), secondo cui la riduzione del danno (RDD) è, insieme, un approccio, una serie di politiche, una gamma di programmi e servizi che mirano a ridurre il danno correlato all’uso di sostanze psicoattive legali e illegali – sui piani sociale, sanitario ed economico. L’obiettivo generale della RDD è la limitazione dei rischi e il contenimento dei danni droga correlati piuttosto che la prevenzione del consumo in sé, e i destinatari sono tanto i consumatori attivi di sostanze, quanto le loro famiglie, le reti di prossimità e la collettività sociale nel suo complesso. La RDD è uno dei “4 pilastri” della politica europea sulle droghe (prevenzione, riduzione del danno, trattamento, lotta al narcotraffico).

Speak Your Mind